• veicoli
  • Servizi
  • Eventi e corse
  • Chi siamo
  • Contattaci
  • VIN Check

Garanzia Traxio

La garanzia goduto da clienti privati ​​e professionisti è regolato da normative ben precise, che lasciano poco spazio all'interpretazione. Tuttavia, può essere esteso per fornire un vantaggio competitivo. E anche coperto da "assicurazione garantita", come quella TRAXIO ha sviluppato esclusivamente con SPB per veicoli nuovi e usati.

In Belgio, il termine "garanzia" copre diversi schemi, spiega Patrick Piret, consulente legale di TRAXIO. “La garanzia legale si applica agli autoveicoli come a tutti gli altri beni. Storicamente, protegge l'acquirente contro i vizi della merce che acquista, in particolare i vizi occulti. Questo è il regime generale, il diritto comune. Più recentemente, con l'avvento del Mercato Unico, nuove regole ispirate da una direttiva europea (tradotta in diritto belga il 1° gennaio 2005) hanno istituito un regime speciale volto a garantire lo stesso grado di protezione a tutti i consumatori europei che acquistano un bene ad un venditore professionale. »

Questa garanzia legale differisce dalla garanzia commerciale che qualsiasi produttore può concedere ai propri clienti per coprire determinati difetti. “Questa garanzia non è obbligatoria, continua Patrick Piret. Esprime la volontà del produttore di assumersi la responsabilità sostituendo o riparando l'articolo difettoso durante un determinato periodo. Infine, la garanzia convenzionale o contrattuale costituisce un accordo tra il venditore e l'acquirente sull'estensione – o eventuale limitazione – della garanzia legale. Nei limiti di quanto consentito, ovviamente.

Qual è la garanzia legale?

La garanzia legale è la tutela dell'acquirente di un veicolo nuovo o usato contro vizi occulti (regime generale) o non conformità (regime specifico), automaticamente, per legge, da parte del venditore.

Cosa copre lo schema generale?

I vizi occulti sono difetti che non erano visibili o noti al cliente al momento dell'acquisto. "Il difetto deve inoltre essere di gravità tale da impedire il normale utilizzo del veicolo o da giustificare il mancato acquisto se il cliente ne fosse stato a conoscenza", precisa Patrick Piret. Se l'acquirente riesce a provare – sta a lui – che il problema esisteva in germe prima della consegna, può chiedere l'annullamento della vendita o tenere il veicolo ed essere rimborsato di una parte del prezzo. Quanto al venditore, se non può provare la sua buona fede, potrebbe anche dover risarcire i danni. Nota: la garanzia legale non è limitata nel tempo. In pratica, riguarda principalmente le relazioni B2B oggi dall'introduzione del regime speciale.

A quale vendita si applica il regime speciale?

Entrato in vigore il 1 gennaio 2005 a seguito della trascrizione nella nostra legislazione di una direttiva europea, il regime speciale copre gli acquisti effettuati da un privato presso un venditore professionale. "Qualunque sia il tipo di veicolo venduto, l'acquirente deve essere un consumatore privato che lo acquista per scopi privati", conferma Patrick Piret. Questo regime riguarda più specificamente il difetto di conformità. “Implica che il venditore si impegna a garantire che il veicolo consegnato sia conforme a quanto pattuito o alle legittime aspettative dell'acquirente. »

In altre parole, la sua responsabilità può sorgere se il veicolo non presenta le caratteristiche descritte nella check list imposta dalla legge belga con il buono d'ordine o se non ha le qualità e le prestazioni che l'acquirente può aspettarsi da un veicolo dello stesso tipo (età, chilometraggio, ecc.). Tutto ciò che rientra nella normale usura ovviamente non è coperto ma, d'altra parte, la legge non prevede un limite in termini di chilometraggio. E, naturalmente, questo vale solo per il "normale utilizzo" del veicolo. “Se l'acquirente intende, ad esempio, guidare il doppio del normale, il venditore deve essere stato informato e deve averlo accettato. »

Qual è la sua durata di applicazione?

Se il regime generale (difetti nascosti) non è limitato nel tempo, questo non è il caso del regime speciale. In linea di principio, questo è valido per 2 anni dalla data di consegna del veicolo. “Questo periodo può essere ridotto a 1 anno per i veicoli usati ma questo deve apparire chiaramente sul modulo d'ordine, avverte Patrick Piret, altrimenti la legge si applica per 2 anni. Attenzione: non basta indicarlo in fattura perché è interpretabile. »

Dove la situazione evolve nel tempo è in termini di onere della prova. “In caso di difetto che si manifesti nei primi 6 mesi successivi all'acquisto, spetta al venditore provare la conformità del veicolo. Se non prova che il danno è dovuto a causa diversa dallo stato del veicolo (uso improprio, cattiva manutenzione, ecc.), deve pagare la riparazione non imputabile ad usura o obsolescenza. » Dopo 6 mesi la situazione si ribalta: spetta all'acquirente provare l'esistenza di un difetto di conformità. Se ciò è provato, il cliente può richiedere la riparazione gratuita del veicolo, o anche la sua sostituzione se necessaria, entro un termine ragionevole e senza spese. (Buono a sapersi: una direttiva europea non ancora recepita nel diritto belga imporrà l'estensione del periodo di garanzia legale oltre i 2 anni per determinati beni di consumo. Soprattutto, il periodo di presunzione aumenterà da 6 mesi a 1 anno per mancanza di conformità. In altre parole, in caso di problema, spetta al venditore dimostrare che non si tratta di un difetto di conformità ma di un guasto dovuto all'usura del normale veicolo.)

La legge prevede una gerarchia nei termini di applicazione del regime speciale. Priorità alla riparazione o sostituzione se non impossibile o sproporzionata, in tal caso il cliente potrà ottenere il rimborso di parte del prezzo o inadempimento contrattuale. Infine, molto importante: nessuna clausola contrattuale può esonerare il venditore dalla sua responsabilità... anche se il consumatore è d'accordo. “Peggio, aggiunge Patrick Piret: se il venditore impone una clausola del tipo 'venduto senza garanzia – nello stato ben noto all'acquirente', la legge è pienamente applicabile non per 1 ma per 2 anni! »

A cosa serve la garanzia del produttore?

Questa volta, non si tratta di un obbligo legale, ma di un impegno preso unilateralmente dal produttore a coprire il veicolo che commercializza contro qualsiasi difetto di materiali, montaggio o produzione per un determinato periodo. Questa garanzia integra in qualche modo la garanzia legale. La maggior parte dei produttori, ad esempio, offre una garanzia di 2 anni (alcuni sono noti per offrire di più) e alcuni offrono anche un'estensione della garanzia opzionale, che può essere stipulata dal cliente al momento dell'acquisto a condizioni diverse.

Per evitare distorsioni della concorrenza, la Commissione europea ha imposto delle salvaguardie. È fatto divieto ai Costruttori di subordinare la garanzia alla manutenzione e riparazione del veicolo all'interno della propria rete nonché all'utilizzo esclusivo di pezzi di ricambio del marchio. "Per tutto il periodo di garanzia iniziale e la sua estensione stipulata con la vendita del veicolo, il cliente deve poter contattare l'officina di sua scelta per la manutenzione e le riparazioni ordinarie", sottolinea Patrick Piret. Questo per evitare la compartimentazione tra le reti ufficiali dei produttori e il settore post-vendita indipendente. D'altra parte, qualsiasi danno coperto da garanzia del produttore deve passare attraverso la sua rete autorizzata, poiché è lui che si fa carico delle riparazioni. »

Possiamo essere più favorevoli della legge?

Ogni venditore è libero di essere più generoso di quanto impongono i suoi obblighi legali. Ad esempio, può estendere la durata dell'applicazione del regime speciale di garanzia legale a 18 mesi anziché a 12 o esonerare il cliente dall'obbligo di provare l'esistenza di un difetto di conformità per un periodo determinato di comune accordo. , su tutti o alcuni elementi del veicolo – si pensi alla famosa garanzia “asse-cambio-motore” spesso riscontrata nel settore. Si tratta di un vantaggio commerciale concesso dal venditore all'acquirente e quindi denominato garanzia commerciale o convenzionale. “Il suo scopo deve essere chiaramente specificato nel contratto di vendita, insiste Patrick Piret. »

Quali sono gli errori da evitare?

Il venditore non può accontentarsi di redigere una fattura recante la dicitura "un anno di garanzia", ​​a rischio di impegnarsi in un impegno contrattuale che garantirebbe il veicolo contro qualsiasi problema per 1 anno, indipendentemente dalla garanzia legale. Deve esserci un contratto basato sull'ordine di acquisto (idealmente quello di TRAXIO). Nota: sono disponibili due moduli d'ordine a seconda che l'acquirente sia un privato o un professionista. È importante utilizzare il modello giusto perché i regimi legali applicabili non sono gli stessi per i clienti B2C e B2B. Per limitare i rischi di garanzia sono necessarie informazioni prima della conclusione della vendita comprensiva di una descrizione esauriente del veicolo su qualsiasi mezzo pubblicitario.

È inoltre vietato vendere senza garanzia legale o richiedere un risarcimento a copertura di questa garanzia legale.

Si segnala infine che in caso di controversia dei consumatori relativa all'esecuzione di un contratto di vendita o di un problema di garanzia riguardante un'auto o moto, nuova o usata, le parti possono rivolgersi alla Commissione di conciliazione AUTOMOTIVE.

Garanzia e contratto di vendita

La legge obbliga il venditore a consegnare e garantire la cosa che vende. Il contratto di vendita deve in particolare specificare la durata della garanzia legale cui ha diritto il consumatore e, ove applicabile, descrivere in modo sufficientemente dettagliato l'eventuale garanzia commerciale. Se la vendita riguarda un veicolo usato, il venditore deve allegare al contratto di vendita un documento contenente la descrizione dello stato del veicolo, dei suoi pezzi di ricambio e componenti. Questa la check list di 113 punti ispirata a quella del modulo d'ordine TRAXIO (senza dimenticare quello dello stato del veicolo in vendita rilasciato dalla revisione tecnica).